L'Alice di Burton


Io amo Tim Burton. E mi piace molto Alice nel paese delle meraviglie (la storia, non l'adattamento di quella azienda infame che è la Disney. L'Alice della Disney mi sta pure un pò sul culo, è antipatica da morire. Ovviamente, anche questo è un film Disney, quindi un pò di dubbi dovevano venirmi). E quando ho saputo che Burton aveva intenzione di mettere mano a questa storia, sono andata in brodo di giuggiole. Già immaginavo un Paese delle Meraviglie delirante, gotico e deliziosamente psichedelico. E poi naturalmente si può contare sugli onnipresenti Depp e Bonham Carter, come può deludermi con tali premesse? Stasera finalmente sono andata a vederlo, praticamente sbavando ho infilato gli occhialetti 3D e ho attaccato la mia combo "Alice" (una tonnellata di pop corn e coca, e meno male che c'era scritto che il formato era piccolo) e ho atteso di sprofondare nelle atmosfere Burtoniane. Vado subito al punto perchè è tardi e ho sonno: sto ancora aspettando. No, perchè alla fine quello che ho visto è un pò un misto tra Narnia e Gran Burrone, con una Regina Bianca che ogni tanto mi ricorda Dama Galadriel (e il suo personaggio mi piace, così malvagia sottopelle) e Alice in veste di Giovanna D'Arco che combatte i draghi come San Michele, la Regina Rossa che ha l'amante alto e figo (ma ovviamente opportunista), il Cappellaio Matto che si prende una cotta (ricambiata, pare) per la nostra impavida, il ghiro che è un topo (se è un ghiro, è il più sveglio della terra)... Premetto che avevo sentito dire solo vagamente che si trattava di un sequel dei romanzi originari, perchè quando mi interessa molto un film (o un libro) cerco di evitare qualsiasi spoiler per non rovinarmi nessuna sorpresa, per cui non ho visto trailer, non ho letto articoli, non ho cercato recensioni. Ci sono andata con occhi vergini, insomma, e disponibili. Non è che non mi è piaciuto... non mi ha aggiunto niente, ecco. Non è un mondo dove risprofonderei volentieri. Non è neanche vagamente vicino a quello che sono stati Edward Mani di Forbice, Sleepy Hollow o Big Fish, per citare i più meravigliosi. Avrei preferito mille volte che mi riproponesse la storia originale ma con una vera atmosfera Burtoniana (è mille volte più burtoniana l'Alice del videogioco omonimo, non so se qualcuno lo ricorda - tra l'altro, doveva uscirne anche un film interpretato da Sarah Michelle Gellar... che fine ha fatto? ) Delusa? Un pò... è un peccato, voglio dire... il film è carino, ma niente di più. Mia opinione, ovviamente. Però ho un bicchierone bellissimo ^^ (ebbè, son soddisfazioni, eh)


Ah: i costumi sono bellissimi *__* e poi vabbè, le musiche sono di Elfman, ho detto tutto.

3 commenti:

Baol ha detto...

Beh...ogni tanto riappari!

Cominciavo a darti per dispersa!!!

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

nooo un altro commento negativo su alice di burton :(
io non l'ho ancora visto, ma ho sempre + l'impressione che sia piuttosto deludente..


però io ho adorato l'alice disneyana degli anni 50, uno dei film + fuori e drogati di sempre!

The Halloween's Princess ha detto...

@Baol: ogni tanto parecchio :PPP

@Marco: ma guarda, non è un brutto film, è che da Burton con il materiale che aveva a disposizione mi sarei aspettata molto ma molto di meglio (o forse è stata proprio la troppa aspettativa a farmi svalutare il film).
La versione disneyana quando ero piccola mi aveva terrorizzato, è vero che è fuorissimo come cartone (e adoravo lo Stregatto). Non ce l'ho con il cartone, ce l'ho con la Disney, anche se probabilmente negli anni 50 era ancora un'azienda "sana". O almeno, più di adesso :)